Le strade del viaggio, i racconti di una viaggiatrice, e la mia filosofia del viaggio

Le strade del viaggio, i racconti di una viaggiatrice, e la mia filosofia del viaggio

09.12.2020 0 Di admin

I grandi viaggi hanno questo di meraviglioso, che il loro incanto comincia prima della partenza stessa. Si aprono gli atlanti, si sogna sulle carte. Si ripetono i nomi magnifici di città sconosciute.
(Joseph Kessel)

Questa è la filosofia del mio blog, la costruzione del viaggio può essere piu’ bella del viaggio in se stesso. Oggi forse non si aprono piu’ gli atlanti ma si guarda google maps, anche se la tecnologia è cambiata, il concetto rimane invariato. Un progetto di esplorazioni di altri paesi e culture.

Per cui nel mio blog oltre ai racconti dei miei viaggi, ho scritto articoli di consigli utili per i viaggiatori, che vogliono intraprendere un viaggio in autonomia, che vogliono decidere gli “stop” da soli, scegliersi gli hotel, i voli aerei e le attrazioni da visitare.

Dove si può fare un viaggio in autonomia? Ovunque, io ho girato tutto il sud est asiatico così, l’Europa e il nord e centro America.

Gli Stati Uniti, sono sicuramente il paese dove viaggiare è molto “easy”come dicono loro. In 5 minuti si noleggia un auto, e poi si va in queste enormi freeways: autostrade, tutte gratuite. Ci si può fermare, verso le 5 del pomeriggio e trovare una grande scelta di motel. Si mangia a tutte le ore, non c’è mai il pericolo di rimanere digiuni

Ho fatto anche una pagina per i viaggiatori “solitari”. Oggi diverse persone, sopratutto donne, vogliono viaggiare da sole. Sono donne per lo piu’ “single”, che non hanno amiche che amano viaggiare senza un’organizzazione alle spalle. Personalmente ho viaggiato molto da sola, ed ho fatto un articolo a riguardo: Perché ho viaggiato e viaggio da sola, un modo diverso di vedere il mondo.

In questo articolo parlo della mia esperienza in una riserva indiana in Canada, dove ho vissuto con loro per 3 settimane, dei miei viaggi “on the road” lungo gli Stati Uniti, delle magnifiche isole caraibiche, dell’Africa e del sud est asiatico. In tutti questi viaggi, non mi è mai successo niente, anzi. Non penso di essere stata fortunata, sono solo stata attenta.

Alle donne che mi scrivono, perché vorrebbero viaggiare da sole, ma hanno molte titubanze, io le incoraggio, dicendo che sarà un’esperienza indimenticabile. Conosceranno tanta gente, perché quando si è da soli, si è piu’ predisposti a fare amicizia. Vedranno il mondo nella maniera che solo loro hanno deciso, con i loro tempi, e le loro emozioni.

E’ meglio viaggiare da soli, piuttosto che con qualcuno, con i quali non si è in sintonia. Il viaggio a volte può essere faticoso, ci possono essere degli imprevisti, e se non si è affiatati, col proprio compagno/a, si rischia di litigare per tutto il viaggio

Un ultima cosa, non sono una viaggiatrice che ama gli ostelli ed i campeggi. Anzi amo i begli hotel: hotel boutique, grandi alberghi confortevoli. Sono quindi ricca sfondata direte voi? No affatto, bisogna solo prenotarli per tempo, cercare le offerte, e non dimentichiamo che in certi paesi, il costo della vita è nettamente inferiore a quello italiano, per cui negli hotel c’è un notevole risparmio rispetto all’Italia

Quindi ricominciamo ad aprire gli atlanti, questa pandemia in un modo o nell’altro finirà. Ritorneremo negli aeroporti, senza mascherina e guarderemo con emozione il numero del nostro “gate” d’imbarco. Viaggeremo e torneremo a casa con le nostre foto, lo specchio dei nostri ricordi e delle emozioni vissute. Perché non c’è viaggio senza emozione!