Come diventare un fabbro professionista

Come diventare un fabbro professionista

23.12.2021 Off Di admin

Il mestiere del fabbro è legato alla scoperta dei metalli e alla loro lavorazione ed è quindi molto antico. Nel mondo attuale è una professione che si è molto evoluta, per cui un fabbro può utilizzare tecniche complesse e macchinari di ultima generazione che consentono di semplificare il lavoro e ottenere risultati più efficienti. L’attività principale di un fabbro è quella di occuparsi del modellamento di vari tipi di metalli, ad esempio acciaio, bronzo, ferro o alluminio. È un lavoro che porta a realizzare opere artigianali o decorative, ma anche a installare serramenti e infissi o a occuparsi di servizi di pronto intervento, ad esempio legati ai furti. Ma come si diventa un fabbro professionista? Ce lo hanno spiegato i tecnici che offrono il servizio di riparazione tapparelle che trovi su questa pagina.

La formazione del mestiere del fabbro

Quella del fabbro è una professione che necessita di tanta esperienza pratica sul campo, sicuramente affiancare un professionista già avviato e imparare da lui le tecniche e i segreti del mestiere è necessario per acquisire dimestichezza con il lavoro e diventare poi dei professionisti del mestiere. Sono inoltre necessarie alcune caratteristiche naturali come manualità, creatività e forza fisica. Inoltre, ci sono anche dei corsi di specializzazione pratici come ad esempio quello di Arte e Ferro di Faenza (Ra), specializzato nella pratica applicata, con una parte teorica che verrà spiegata direttamente sul campo, questo per facilitare al massimo l’esperienza della professione. Al termine di questo corso il fabbro imparerà la tecnica del rilievo misure in cantiere, lo sviluppo dei rilievi, la preparazione dei trasporti dei materiali e la familiarità con gli attrezzi del mestiere. Anche scuole e centri di formazione offrono la possibilità di seguire corsi pratici per intraprendere il lavoro del fabbro.

La professione e le sue specializzazioni

Un fabbro può specializzarsi e formarsi nelle diverse tecniche di lavorazione dei metalli, a seconda del settore in cui decide di specializzarsi e del tipo di percorso che vuole intraprendere. Ad esempio, un fabbro può intraprendere un percorso all’interno del settore industriale e quindi sviluppare una competenza molto specifica nell’ambito della conoscenza delle caratteristiche fisiche dei metalli, dei processi di lavorazione, ma che dell’utilizzo di macchinari complessi e delle relative norme di sicurezza. In alternativa, un fabbro può specializzarsi nella produzione artigianale e artistica, andando a lavorare in botteghe, officine o negozi di ferramenta. In questi casi, grazie alla sua capacità di forgiatura dei metalli può dare vita a oggetti forgiati manualmente e unici. Infine, un fabbro può lavorare anche per conto di imprese edili che hanno necessità di posare infissi o serramenti, o ancora per maneggi e centri ippici come maniscalco.

Il fabbro professionista e quanto guadagna

Dopo un periodo di apprendistato, il fabbro può finalmente diventare un professionista del settore. Infatti, dopo i primi anni da apprendista dove di solito il salario si aggira intorno ai 600-800€ al mese, un fabbro con un minimo di esperienza arriva a guadagnare circa 1200€ al mese, mentre un fabbro con almeno 5 o 6 anni di età può guadagnare un compenso medio di 40000€ all’anno. Ovviamente se il fabbro professionista ha maturato una buona esperienza e ha acquisito una rete solida di clienti, può anche decidere di avviare una piccola attività e quindi avere alle sue dipendenze anche altre persone. Sicuramente, una fonte di guadagno utile a incrementare la clientela e i servizi offerti, è quella del pronto intervento a domicilio, dove il fabbro può rendersi disponibile per effettuare riparazioni di porte, infissi o altri elementi in metallo e creare così una relazione di fiducia e collaborazione con i propri clienti.

Le opportunità per chi vuole diventare un fabbro

La professione del fabbro in Italia è molto richiesta. Dato che si tratta di un mestiere che si impara sul campo, legato a competenze pratiche e artigianali è spesso necessario trovare dei professionisti specializzati in questo mestiere a cui affidarsi. Sebbene rispetto ad alcuni Paesi esteri sia retribuito in maniera minore, rimane una valida alternativa professionale per tutti quelli che desiderano seguire questa strada, oltre ad essere un mestiere dove si tramandano competenze artigianali proprie del nostro Paese.